Fecondazione in vitro con ovodonazione: mi assomiglierà il bambino che partorirò?

Fecondazione in vitro con ovodonazione: mi assomiglierà il bambino che partorirò?

Fecondazione in vitro con ovodonazione: mi assomiglierà il bambino che partorirò?

Siete preoccupati che il bambino che verrà concepito con la donazione degli ovuli non vi assomigli? Oggi numerosi studi sull’argomento tendono a dimostrarci che la genetica non è l’unico parametro da tenere in considerazione quando si parla di somiglianza!

Quando non è possibile per una donna utilizzare i propri ovuli per ottenere la gravidanza che desidera, il ginecologo di solito la indirizza alla fecondazione in vitro (IVF) con ovodonazione. Si tratta di una tecnica di fecondazione in vitro con ottimi risultati, che però, per molte coppie, non è facile da accettare. Eppure capita spesso che un bambino non assomigli ai suoi genitori biologici, né nell’aspetto né nel carattere, ma che abbia ereditato caratteristiche dai nonni, dai cugini o dalle zie e dagli zii. Quindi, così come l’utilizzo del materiale genetico del padre e della madre non è sempre una garanzia che il bambino assomiglierà ai genitori, quando un bambino proviene da una donazione, non significa necessariamente che non gli somiglierà affatto! È quindi molto probabile che un bambino nato da una donazione assomigli più ai suoi genitori rispetto ad un bambino nato dal materiale genetico di entrambi i genitori.

Epigenetica in FIV con ovodonazione

Capire l’epigenetica è di particolare interesse nella fecondazione in vitro con ovodonazione, proprio perché il bambino non ancora nato non condivide gli stessi geni con la madre. Tuttavia, questo non significa che non assomiglierà a lei quando nascerà, poiché durante tutta la gravidanza, il comportamento e l’ambiente in cui la madre ospita il feto influenzano il suo sviluppo e attivano alcuni geni (vedi articolo bionews.org.uk , novembre 2015). Ad esempio, se da una donazione di ovociti viene un bambino con i capelli ricci a causa dell’eredità genetica, i processi all’interno dell’utero della madre possono influenzare se i capelli alla fine risulteranno più o meno ricci. Pertanto, il bambino che nascerà avrà qualche somiglianza con sua madre, anche se non ha i suoi geni.

Selezione della donatrice in base al fenotipo del ricevente all’epigenetica e all’ambiente: il dubbio sulla somiglianza viene ribaltato

Non dovete dare troppa importanza alla somiglianza dell’aspetto, perché vostro figlio vi somiglierà in mille altri modi: con i suoi gesti, espressioni, abitudini, comportamenti, educazione e tutto ciò che gli insegnate mentre cresce. Tutto questo non è né innato né ereditario e quindi la genetica non è la chiave per l’armonia dei genitori e della famiglia. Non bisogna dimenticare che la donatrice viene selezionata in base alle caratteristiche fenotipiche del ricevente. Il fenotipo di una persona è una somma di caratteristiche, come l’altezza, il fisico, i capelli, gli occhi e il colore della pelle. D’altra parte, è bene sapere che l’endometrio è in grado di secernere molecole che possono modificare il genoma fetale. Quindi, per quanto incredibile possa sembrare, tuo figlio avrà tante possibilità di assomigliarti come se fosse stato concepito dalle tue stesse uova!

Fattori che aumentano la somiglianza di un bambino con i suoi genitori

In effetti, le somiglianze tra i bambini e i loro genitori non biologici sono più comuni di quanto sembri. Ci sono quattro possibili spiegazioni per questo:

  • Quando una coppia eterosessuale riceve donazione di materiale genetico per problemi di fertilità di uno dei due, l’altro continua a trasmettere al figlio il proprio materiale genetico.
  • In Medimall ci preoccupiamo di scegliere il donatore in base al fenotipo più vicino alla futura madre (o al padre), con tutte le caratteristiche fisiche: altezza, fisico, colore degli occhi, colore dei capelli, colore della pelle e gruppo sanguigno.
  • Anche se il feto è concepito con gli ovuli di una donatrice, la gestante ha una grande influenza sull’espressione genetica di quest’ultima: nell’utero, il DNA del feto interagisce con le molecole della gravidanza, esaltando così caratteristiche genetiche specifiche che non sarebbero le stesse nel grembo di un’altra donna. Durante la gravidanza si crea anche un legame unico e forte tra il feto e la donna che lo carica, lo nutre e lo trasforma. Il primo suono che percepisce il feto è il battito del cuore della madre!
  • L’ambiente in cui il bambino cresce dalla nascita e l’educazione che riceve hanno un impatto significativo sullo sviluppo della personalità e del comportamento del bambino. Come nel caso dell’adozione, il bambino riprodurrà i toni, i tic e i valori dei suoi genitori, siano essi biologici o meno, attraverso l’imitazione.

Anche dopo aver preso gli ovuli di una donatrice, sarai per sempre la vera madre del tuo bambino, poiché lo avrai concepito e nutrito con il tuo sangue, i tuoi pensieri e i tuoi sentimenti durante tutta la gravidanza.

Celebrità che hanno approfittato della donazione di materiale genetico

Nel mondo delle celebrità il fenomeno è esattamente lo stesso di quello del resto della popolazione. Non tutti scelgono di rendere pubblici i loro problemi di fertilità. Ma i tanti casi di donne sopra i 40 diventate madri ci portano a supporre che abbiano utilizzato qualche metodo di fecondazione in vitro.

Tuttavia, alcune celebrità ammettono pubblicamente di aver ricevuto materiale genetico. Tra questi, Mariah Carey, i cui gemelli sono stati concepiti con donazione di ovuli, e Monica Cruz, che ha deciso di avere un figlio da sola grazie all’inseminazione artificiale con sperma di un donatore anonimo (IUI).

Il loro esempio aiuta a mettere in luce il dibattito sull’origine genetica. Aiuta a normalizzare la situazione e combattere i pregiudizi che sono ancora associati alla riproduzione assistita.


ISCRIVERSI ALLA MEDIMALL

NEWSLETTER

Iscriversi alla Newsletter Medimall per essere informati con articoli interessanti, ma anche sugli ultimi sviluppi in Salute e Fertilità

Condividere


ΚΑΤΕΒΑΣΤΕ ΤΟ

PREGNANCY
PROBABILITY App By Medimall

Σε συνεργασία με την επιστημονική ομάδα της Medimall IVF Clinic, οι ενδιαφερόμενες μπορούν μέσω του Pregnancy Probability App να μάθουν τις πιθανότητες εγκυμοσύνης μέσω όλων των πιθανών τρόπων (Sex, IUI, Natural Cycle IVF, IVF) αναφέροντας την ηλικία τους και τον δείκτη AMH (Anti Mullerian Hormone).

Google Play: 1,89€

App store: 1,99€